Mi piacerebbe farlo, ma non ho abbastanza volontà!

Quante volte abbiamo detto: “Si, mi piacerebbe fare questo ma sono sicuro/a di non farcela perché non ho abbastanza volontà”?

Oppure: “Sono riuscito/a a farlo perché ho una volontà di ferro!”.

Messa in questo modo, la volontà sembra essere una qualità che dipende dal fato. O ce l'hai oppure no.

È vero che la volontà non è manifesta in tutti nella stessa misura, in alcuni è latente o persino repressa, ma tutti, proprio tutti, abbiamo la possibilità di ritrovarla, farla germogliare e crescere.

Lavorare su questo aspetto eticamente, è importante per sé stessi al fine di migliorare come essere umano: portare a manifestazione tutte quelle doti e funzioni che sono nostre per diritto di nascita. É quindi un dovere per ogni persona che tende naturalmente all’autosuperamento (la tendenza umana a migliorarsi).

Ma di fatto, generalmente, sono bisogni ed obiettivi di tipo egoistico ad attivare la volontà, e quando accade, difficilmente la perseveranza ci accompagna e finiamo per mollare.

Perché?

La Volontà è una qualità dello Spirito e se lo scopo che ci muove non è un linea con i suoi Valori, questa perderà facilmente la sua forza e noi avremo l'impressione di aver fallito.

Invero, la Volontà, mossa dai Valori dello Spirito, ci permette di manifestare e portare nel mondo il nostro tesoro interiore con semplicità e forza, conducendoci all’Autorealizzazione.

Ogni essere umano è unico, irripetibile, e si realizza quando ri-conosce la sua impronta, i suoi valori di base e li porta nel mondo.

Ma come si risveglia la Volontà?

Ci sono tantissimi esercizi, di vario genere che si possiamo svolgere nella vita quotidiana per riattivare questa importantissima funzione:

“Compi azioni inutili”:

Questo esercizio consiste nel compiere ogni giorno, consapevolmente, azioni che non hanno apparentemente alcuna utilità se non quella di portare alla luce la Volontà. Ad esempio, ogni giorno alla stessa ora, spostare un mobile di pochi centimetri e rimetterlo al suo posto.

“Sveglia”: Decidi di svegliarti tutti i giorni ad un’ora precisa, sia che tu abbia impegni oppure no.

“Mangia consapevolmente”: A tavola, rendi sacro ogni boccone, e concentra la tua attenzione sul masticare bene e gustare il cibo assaporando ogni boccone, cercando di decifrarne i sapori e le consistenze.

Ci sono molti esercizi utili e possiamo anche inventarne di nuovi, l'importante è scegliere quelli in linea con la nostra natura. Devono in qualche misura, essere piacevoli, altrimenti li abbandoneremo, rafforzando la delusione e la conseguente convinzione di non avere Volontà.

Sperimentare ed avere la cura di ascoltarsi, è sempre il primo passo, per imboccare il giusto sentiero verso noi stessi.