Rubrica settimanale Diseducata-mente

Aggiornato il: apr 30

Rubrica settimanale per la divulgazione di contenuti che facilitano la

dis-educazione e rieducazione della mente.

Un ponte, verso la fioritura del sé.


Diseducazione?! Perché? Perché siamo maleducati!


Il nostro pensare, quello su cui facciamo tanto affidamento per prendere decisioni quotidiane, è davvero nostro?


La nostra mente, fin dall’infanzia, viene continuamente bombardata da dati che non riusciamo ad elaborare, e da significati, o sistemi di credenze che, pur non appartenendoci realmente, diventano lenti speciali attraverso le quali percepiamo la realtà e muoviamo la nostra vita..

Questo innesto di credenze nelle nostri menti genera malessere ed infelicità, un terreno decisamente piccolo, inquinato e disfunzionale per vivere e fiorire.


Se davvero non possiamo fare affidamento su ciò che crediamo è necessario prima di tutto dimenticare. In termini attuali potremmo dire che è necessaria una pulizia totale dell’hard disk. Per dirla con Socrate, iniziare da "So di non sapere."

Quindi, il primo passo è...fare pulizia. Dis-educarci per RI-BELLARCI per “tornare al bello”.

E’ così che prepareremo il terreno alla nostra fioritura, al riconoscimento della nostra unicità ed al vero grande potere personale che ne deriva.

E’ necessaria “un’opera al nero” alchemicamente parlando, una purificazione dai “metalli -illusioni”, che abbiamo imparato a leggere come realtà.


Ma non è così semplice dimenticare, non lo si fa premendo un tasto sul mouse. E’ un vero e proprio lavoro e richiede un pò di coraggio, perché dimenticare, porta verso un’unica possibile direzione, il vuoto. E quanto può fare paura il vuoto?

Ma..ecco la buona notizia!

La scienza ci dice che il vuoto non esiste, anzi, che è addirittura più pieno del pieno! Eh già, perché... se qualcosa non si vede, non è detto che non esista no?!

Quindi, coraggio! C’è un vuotopieno che ci attende. Sei pronto a vedere cosa contiene?

Ogni settimana un nuovo articolo dis-educante!